“Cosa devo fare per non imbarazzarmi più quando parlo?
Cosa posso fare quando davanti a un pubblico, inizio ad agitarmi, i battiti sono accelerati e la mia paura di non farcela prende il sopravvento?
Come posso prendere coraggio e superare tutte queste ed altri eventuali imprevisti, nel modo più efficace possibile, senza perdere il mio obiettivo?”

Almeno una volta nella vita, a tutti è capitato di non sapere “cosa fare”, lì, davanti a tante o anche poche persone ed iniziare a tenere un discorso. Che imbarazzo, che paura e soprattutto che giudizi! Quanto ci siamo giudicati, nel timore di non essere pronti o all’altezza?

Non dobbiamo farne una dramma, è umano.

Ma è anche vero che è possibile mettersi in gioco, in un modo nuovo, meravigliandosi, migliorandosi e apprendendo efficaci strategie che rispondano alle nostre esigenze.

Se lo vogliamo, tutto questo è possibile!

Basta mettersi in ascolto di sé, inseguendo un viaggio che sarà la vera meta, in cui un bagaglio di riflessioni, incontri, conoscenze teoriche e pratiche guidate, riusciranno a mettere in luce la vostra personalità e potenziare la vostra capacità comunicativa. Tutto questo attraverso un unico denominatore comune: il divertimento!

“Ma bando alla ciance”, ecco qui qualche pratico consiglio per iniziare in autonomia ed ottenere già risultati nella vita di tutti i giorni.

Ricordate: la comunicazione è la nostra palestra, la voce ed il corpo i nostri attrezzi.

LA RESPIRAZIONE
La respirazione regola e nutre la nostra performance ed è indispensabile concentrarsi su di essa.
Prenditi 5 minuti durante il giorno. Se sei a casa ancora meglio, ma puoi farlo anche in auto! Fissa un punto della stanza, e immagina di mandare lì il tuo respiro. Concentrati sul lavoro del diaframma, evitando così di alzare le spalle (questo sforzo ti creerebbe solo tensione). Inspira dal naso e butta fuori l’aria dalla bocca e fallo molto lentamente.

IL CORPO: LO SGUARDO
Mettiti davanti allo specchio e immagina di sostenere una conversazione formale, l’argomento sarà a tuo piacere. Senza parlare (se ti aiuta utilizza il labiale) simula come ti comporteresti con il corpo: postura, gesti, volto, respiro; cosa osservi? Non giudicarti: si solo un attento osservatore! Noterai che più rimani centrato e crederai nel tuo obiettivo, in quello che vuoi comunicare, più il corpo ne sarà testimone.

LA VOCE
Scegli un momento della giornata in cui poter mettere in atto la tecnica: a casa, al lavoro o fuori con gli amici; ricorda: bastano solo pochi minuti! Inizia a tenere qualsiasi tipo di conversazione e fai attenzione alla tua voce: fatti sentire, sii chiaro\a in quello che vuoi dire, scandisci bene ogni parola e stai in ascolto delle tue sensazioni. Come ti senti? Come condiziona la tua prestazione nel dialogo con l’altro?

Riassumendo, la paura di sentirsi giudicati dagli altri è una sensazione più che comune, è capitato a tutti, ma può essere controllata. Il modo migliore per rompere il ghiaccio è quello di mettersi in gioco, applicando delle strategie che ti permetteranno di sentirti libero e a tuo agio.

Se vuoi approfondire e avere ulteriori strumenti da mettere in campo, dal 24 ottobre inizia con la nostra formatrice Rachele Zanarella un percorso pratico in cui ti sentirai protagonista e scoprirai il potere della tua comunicazione mediante l’uso innovativo e l’esperienza sul campo del linguaggio teatrale!

Chiara, Mary e Anna

Vuoi imparare a rompere il ghiaccio con noi? Iscrivi al nostro laboratorio esperienziale.

Rachele Zanarella

Rachele Zanarella

Diplomata attrice teatrale e cinematografica presso Accademia ZeroNove (MI), collaboro con la compagnia teatrale FeboTeatro e sono impegnata in  produzioni per Vitamina CLab, tra laboratori propedeutici per tutte le fasce d’età e spettacoli su palco. Nella vita sono anche cantante in concerti e musical, insegno le arti per-formative dalla voce al corpo tra realtà private e aziendali. Nella stagione 2020-2021-2022  “Che dici Gaber? Uno spettacolo live”, “7 Miliardi” e “DI NUOVO VIVA un monologo sull’anoressia” sono le mie nuove produzioni di cui porto orgogliosamente la firma.

Torna su